Sono scrittori. Tecnoartisi. Musicisti. Viaggiatori del tempo. Gente che, da Roma a New York,dal Brasile al Giappone, vive il presente guardandosi indietro.
Articolo tratto da “L’espresso” di Carlotta Magnanini